La Risonanza Magnetica Mammaria (RMM)  è uno strumento diagnostico che permette di identificare anche noduli molto piccoli.

L’esame non sostituisce la mammografia come screening per la diagnosi del tumore al seno, ma si aggiunge alla mammografia e alla visita senologica nei casi di donne con alto rischio di tumore al seno o in condizioni che rendono poco efficaci i tradizionali strumenti diagnostici.

Può essere eseguita con o senza mezzo di contrasto, in questo ultimo caso la paziente deve presentarsi con l’esame della creatinina e deve essere a digiuno da 6 ore.

L’esecuzione della RMM dura in media circa 15 minuti.

Le controindicazioni sono quelle da seguire per un qualsiasi esame di risonanza magnetica (non può essere effettuata ad esempio se la donna ha un pacemaker o una protesi metallica).

I Centri presso i quali viene eseguita la Risonanza Magnetica Mammaria